Tortino di melanzane e ricotta

DSC04437

Supponiamo che vi capitino tra  “capo e collo”  delle melanzane belle, generose e turgide. Ipotizziamo il caso in cui abbiate voglia di cimentarvi in qualcosa di nuovo e vi vengano sempre le stesse idee: la parmigiana per gli “audaci” del trikini, le tristissime fette di melanzane alla griglia per i “puristi” delle diete fai-da-te, le melanzane a funghetto per i tradizionalisti più caparbi e tante altre robine dall’aria un pò vintage (non ho mai capito il perchè ma la melanzana mi ha sempre dato l’idea di essere un ortaggio dallo stile anni ’80). Ma secondo voi, Serenina vostra cosa ci sta a fare!? Ovviamente per darvi un’idea degna di questo nome!!

 Ci tengo a sottolineare che questa è una di quelle ricette che non mollerete più, parola mia! E’ un tortino di melanzane e ricotta che vi farà leccare non i baffi, bensì i capelli…. è molto carino da presentare come entrée per una cena estiva in compagnia di amici ed è di facile realizzazione. Cosa posso dirvi di più?! Ovviamente Bon Appétit!

Print Friendly

Tortino di melanzane e ricotta

By agosto 1, 2014

DSC04437

  • Tempo di Preparazione : 60minuti
  • Tempo di Cottura : 30minuti
  • Resa : 6 persone

Ingredienti

Istruzioni

Lavate le melanzane, asciugatele, spuntatele, sbucciatele con un coltello affilato e tagliatele a tocchetti regolari in modo che cuociano uniformemente. Raccoglietele in una padella antiaderente con 3-4 cucchiai di olio EVO. Sbucciate l'aglio, schiacciatelo e ancora intero inseritelo nella padella insieme al peperoncino e alle foglie di basilico (o menta). Salate, mescolate e fatele stufare a fuoco basso per 10-15 minuti con la padella coperta.

Nel caso le melanzane siano particolarmente asciutte, aggiungete qualche cucchiaio d'acqua fino a cuocerle completamente.

Al termine della cottura togliete dal fuoco le melanzane, eliminate l'aglio e il peperoncino e con un frullatore ad immersione riducetele ad una purea omogenea. Lasciate raffreddare.

In una boule setacciate la ricotta che dovrà essere priva di siero e aggiungete il parmigiano, le uova, un pizzico di sale ed infine la noce moscata. Montate il tutto con il frullatore ad immersione fino ad ottenere un  composto omogeneo e il più possibile gonfio.

Incorporate la farina poco per volta e infine aggiungete la purea di melanzane fredda.

Ungete di olio sei stampini monoporzione di alluminio usa e getta, ricoprite il fondo e le pareti di pangrattato e spolverate ancora di parmigiano il fondo dei pirottini per favorire la formazione della crosticina. Infine distribuite il composto di melanzane nei sei stampini.

Preriscaldate il forno a 180° e una volta raggiunta la temperatura indicata, infornate  per 30 minuti circa o comunque fino a quando gli sformatini si presenteranno ben gonfi e dorati in superficie. Serviteli tiepidi o freddi. Guarnite con una dadolata di pomodorini ciliegia.

DADOLATA DI POMODORINI

Riempite d'acqua una casseruola e portatela a bollore, nel frattempo lavate i pomodorini ciliegia e incidete la superficie con un coltello, realizzando una croce. Quando l'acqua sarà arrivata a temperatura, immergete i pomodorini (pochi per volta) per qualche  secondo nell'acqua bollente. Scolateli con un mestolo forato  e raffreddateli in acqua fredda. A questo punto eliminate la pelle dei pomodori, tagliateli a cubetti e conditeli con l'olio EVO, l'aglio spellato e tritato finemente, qualche foglia di basilico (o menta se l'avete utilizzata sin dal principio), salate e mescolate. Decorate la superficie dei tortini. Bon appètit!!

 

Print Friendly
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

2 Responses to Tortino di melanzane e ricotta

  1. Serena

    Buongiorno, se non avessi degli stampini monoporzione, potrei cuocerla in uno stampo da plumcake? Grazie.
    Serena Bini.

    • Serena

      Buongiorno Serena, certo può cuocerlo in un qualsiasi stampo, anche da plumcake, ma deve in tal caso aumentare i tempi di cottura non trattandosi più di piccole monoporzioni. Per ulteriori info o dubbi non siamo sempre a sua disposizione. Serena

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *